Milan-Sassuolo, Gattuso: “Suso non è un problema, Cutrone deve lavorare. Romagnoli? Resterà al Milan”

Rino Gattuso in conferenza stampa

Conferenza stampa per Rino Gattuso alla vigilia di Milan-Sassuolo. Il tecnico dei rossoneri ha affrontato diversi temi, tra cui il momento ‘no’ di Suso, l’interesse di alcuni top club per Alessio Romagnoli, l’imminente rientro di Mattia Caldara e le condizioni di Franck Kessié, uscito malconcio dal match di Coppa Italia contro la Lazio. Di seguito le parole dell’allenatore milanista.

Sui 60 mila di San Siro domani contro il Sassuolo: “I tifosi si convincono con le prestazioni e i risultati. Devono ringraziarli anche per essere venuti in così tanti a Roma. Dobbiamo essere bravi noi domani a partire con il piglio giusto. Dobbiamo pensare ad partita ad una volta, con Lazio e nel primo tempo con l’Empoli abbiamo faticato un po’. Noi dobbiamo pensare solo a noi e a nient’altro”.

336x280

Sul tipo di partita del Sassuolo: “Conosco molto bene De Zerbi, l’anno scorso ho fatto un solo punto contro di lui. So che calcio gli piace. Il Sassuolo ha giocatori importanti che sanno giocare il calcio che vuole De Zerbi. E’ una squadra che se non rispetti ti può fare molto male. E’ una settimana in cui abbiamo speso tanto, a livello tecnico abbiamo fatto molta fatica. La cosa più importante è dare continuità alla fase difensiva e al nostro gioco”.

Sul momento negativo che sta attraversando Suso: “E’ un vostro giudizio. Per me ci sta che un giocatore può attraversare un momento di appannamento. Per me Suso non è un problema. E’ stato un mese fermo, a livello fisico sta pagando qualcosa, ma deve stare tranquillo perchè ha le qualità per darci una grande mano”.

Sul futuro di Romagnoli: “Ha rinnovato 8 mesi fa, è un giocatore importante ed è il capitano del Milan. Per me ha ancora grandi margini di miglioramento. Romagnoli è felice al Milan e sono sicuro che continuerà qui”.

Su Cutrone, apparso insofferente per lo scarso minutaggio conseguente all’arrivo di Piatek al Milan: “Deve continuare a lavorare con voglia. Nelle ultime partite ha trovato spazio. In questo momento stiamo giocando con un solo attaccante e questo lo sta penalizzando. Mi piace quando un giocatore ha il muso e non è contento di stare fuori perchè vuol dire che ci tiene. Patrick deve continuare a lavorare”.

Sull’imminente rientro di Mattia Caldara: “Oggi si è allenato con la Primavera, domani giocherà con loro massimo 50 minuti. Viene da un lungo infortunio, spero di dargli presto la possibilità di scendere in campo. Vedremo come andrà domani”.

Sulle condizioni di Kessié: “Ieri aveva ancora un po’ di fastidio. Ha una muscolatura importante e quindi ci vuole un po’ per assorbire la botta che ha preso. Dopo nella rifinitura vedremo se potrà esserci domani”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂