Milan-Brescia, Giampaolo: “Piatek è fortissimo, ma André Silva più adatto per questa partita”

Marco Giampaolo, allenatore del Milan, in conferenza stampa

Prima vittoria in campionato per Marco Giampaolo da allenatore del Milan. Il tecnico abruzzese torna a sorridere dopo lo sfortunato esordio e lo fa grazie alla rete decisiva di Calhanoglu. Brescia battuto 1-0, esordio ok a San Siro e sconfitta di Udine già alle spalle: “Bisogna mettere insieme tanti aspetti e migliorare – ha spiegato l’allenatore rossonero a Sky Sport nel post gara –. C’è la volontà dei ragazzi di fare ciò che propongo e questa è la cosa più importante. Da questo punto di vista sono fiducioso, poi servirà tempo per lavorare insieme”.

La mossa che ha sorpreso tutti è stata l’esclusione di Piatek dal primo minuto, al quale è stato preferito Andrè Silva, in uscita dal Milan: “Ho scelto lui perché ho pensato che le sue caratteristiche fossero più consone. Avevo bisogno di un giocatore che legasse più il gioco e non che scappasse. È stato un ragionamento fatto solo in relazione a questa partita. Piatek è fortissimo, ma se resta fuori non è la fine del mondo”. R

Rispetto a Udine è cambiato anche il centrocampo, posizioni e interpreti: “Calhanoglu, per esempio, si esprime meglio da mezzala, ma a Udine sono stato costretto a schierarlo da regista. Lì abbiamo avuto il controllo della partita, poi ci siamo slegati e abbiamo iniziato a giocare a livello individuale. Suso? L’ho solo spostato con Castillejo. Questo e basta, perché i compiti che aveva erano sempre quelli dell’attaccante”. 

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂