Pioli: ‘Danneggiati, ricordo parole di Rizzoli, non è rigore’

Una Coppa Italia che sta destando l’opinione pubblica che segue il calcio. Il match di ieri sera tra Milan e Juventus ha provocato reazioni e commenti tra gli addetti ai lavori a fine partita, Pioli su tutti. L’arbitraggio condotto da Valeri è stato gravemente insufficiente per ambedue le squadre in campo con sviste, errori grossolani e un atteggiamento poco credibile per la classe arbitrale.

Le decisioni prese hanno scontentato tutti ma ancora una volta il Milan esce dal campo gravemente penalizzato a favore dei bianconeri, con un rigore assegnato agli ospiti sul finire della gara non solo dubbio, ma che va contro al regolamento esplicato da Rizzoli.

Le dichiarazioni di Pioli a caldo

Pioli in conferenza stampa dopo il match ha esternato la propria amarezza con educazione ma con fermezza. “Ero presente alla riunione. Alla prima o seconda giornata, in Cagliari-Brescia, c’era stato un fallo di rigore di Cerri che stato colpito sul braccio dal pallone mentre era girato ed è stato detto che non andava fischiato il rigore. Oggi è la situazione è identica. Prima poi c’era un fallo netto su Ibra che non è stato fischiato. Siamo stati sicuramente danneggiati. E ancora. “E’ andata così, dobbiamo essere più forti anche di queste cose. Al ritorno servirà un’impresa, servirà uno sforzo straordinario. Dobbiamo continuare così e pensare subito al campionato. Abbiamo giocato due partite intense, dobbiamo vedere come recupereremo. Vogliamo fare bene contro il Torino e in campionato”.

Tornando al calcio giocato la valutazione della prestazione è più che positiva: “Sono orgoglioso dei miei giocatori. Stiamo fornendo prestazioni importanti, anche a livello di qualità. Abbiamo giocato meglio di un avversario più forte. Sono contento della prestazione, ma c’è rammarico per il risultato. E’ un peccato, ma c’è ancora il ritorno in cui saremo in difficoltà perché avremo diverse assenze. Ora rituffiamoci subito nel campionato”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂