Milan deferito dall’Uefa: il fondo Elliott promette battaglia anche fuori dai tribunali sportivi

Paul Singer, fondatore del fondo Elliott

La notizia del deferimento del Milan, da parte della Uefa, ha suscitato molto clamore tra i tifosi rossoneri. Questi ultimi sono adesso preoccupati che la loro squadra possa essere estromessa dalle competizioni europee. Tuttavia, in via Aldo Rossi traspare grande serenità e la decisione del massimo organismo europeo non ha destato sorpresa.

La proprietà del Milan, ovvero il fondo Elliott, sta lavorando affinché la Uefa dia il giusto peso alla mancanza di una responsabilità diretta nella gestione passata. I 126 milioni di euro di buco sono infatti arrivati nella passata stagione, sotto la gestione di Yonghong Li e di Marco Fassone.

Lo scopo dell’hedge fund statunitense è quello di non pregiudicare i futuri investimenti che possano portare il Milan a primeggiare in Europa. Come riferisce Il Sole 24 ore di oggi, in caso di dure sanzioni da parte dell’organo giudicante, il fondo Elliott sarà pronto a dare battaglia all’Uefa anche nei tribunali extra-sportivi.

Loading...
Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂