Marco Fassone non è più l’amministratore delegato del Milan

Marco Fassone, ex ad del Milan

Si è da poco conclusa l’assemblea dei soci del Milan, in cui è stato rinnovato il CdA e parte dell’organigramma societario dopo il passaggio di proprietà da Yonghong Li al fondo Elliott. Com’era stato anticipato da più parti nei giorni scorsi, Marco Fassone non è più l’amministratore delegato del club rossonero.

Assemblea dei soci Milan: Fassone rimosso dal suo incarico

Poco dopo l’inizio dell’assemblea dei soci, ha preso la parola la rappresentante della Rossoneri Sport Investment, che ha chiesto – per conto dell’assemblea stessa – la rimozione dal proprio incarico dei consiglieri di amministrazione Yonghong Li, David Han Li, Lu Bo, Renshuo Xu e Marco Fassone per giusta causa. In particolare, all’ormai ex amministratore delegato rossonero sono state contestate la cattiva gestione dei contratti interni alla società, la responsabilità nei piani prospettici e la struttura del mercato cinese.

A mister Li, invece, oltre alla cattiva gestione del club sono state contestate le sue recenti parole che ledono all’immagine del club. A seguito dell’approvazione della delibera, i soggetti sopraccitati non fanno più parte del CdA della società rossonera e Fassone non è più l’ad del Milan.

Scaroni nuovo presidente e amministratore delegato ad interim

Il nuovo CdA del Milan sarà così composto: Paolo Scaroni, Marco Patuano, Franck Tuil (presente all’udienza al Tas di Losanna), Giorgio Furlani, Alfredo Craca, Salvatore Cerchione, Gianluca D’Avanzo e Stefano Cocirio. Il CdA resterà in carica fino al 30 giugno 2020.

Prima della chiusura dell’assemblea, Scaroni ha voluto rilasciare le sue prime dichiarazioni da neo presidente rossonero: “Ho solo poche parole per ringraziarvi per essere qui. Per me è un grande onore. Se è stato un grande onore per Roberto Cappeli, per me che sono milanista è un grandissimo onore e possiamo considerare conclusa questa assemblea”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂