Coppa Italia, Scaroni non ci sta: ‘Scelta discutibile sotto il profilo sportivo’

Il presidente del Milan ha polemizzato per le date della Coppa Italia, che si concluderà prima della ripartenza della Serie A

Paolo Scaroni non ci sta. Il presidente del Milan ha polemizzato sulla scelta di far ripartire (e concludere) la Coppa Italia prima della ripresa del campionato di Serie A (leggi qui le date della Tim Cup).

Milan, Scaroni contro la formula scelta per la Coppa Italia

Il numero uno del club rossonero ha contestato la formula con cui verrà assegnata la Coppa Italia, con i rossoneri che giocheranno la semifinale di ritorno all’Allianz Stadium di Torino il 13 giugno, con meno di un mese di allenamento nelle gambe (stesse condizioni anche per la Juventus, ndr).

“Comprendiamo – ha detto il presidente del Milan – il valore di poter offrire a tutti gli appassionati partite di qualità dopo mesi di lockdown, ma sotto il profilo sportivo è certamente discutibile assegnare un trofeo importante come la Coppa Italia con due partite in quattro giorni e con le squadra in campo a distanza di oltre tre mesi dall’ultima partita ufficiale”.

Anche Juventus e Inter insoddisfatte per le date della Coppa Italia

Anche Juve e Inter hanno mostrato il loro malcontento per la scelta del governo e dei principali organi calcistici di far disputare e terminare la Coppa Italia prima della ripresa del campionato.

Addirittura, la società nerazzurra potrebbe presentarsi in campo a Napoli (il 14 giugno si giocherà l’altra semifinale di ritorno, quella tra il club partenopeo e l’Inter) con la Primavera.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂