Boban al Corriere della Sera: “Milan tornerà in alto. Sul mercato scelte logiche, niente fuochi d’artificio”

Zorro Boban, Chief Football Officer del Milan

Alla vigilia della sfida di campionato contro l’Udinese, Zvone Boban ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera. Diversi i temi toccati da Zorro, mai banale e sempre arguto nelle sue dichiarazioni. In basso le sue parole.

Zvone con quale spirito affronta la sua prima sfida di campionato da dirigente rossonero?
“Con lo stesso sentimento che avevo da giocatore. Quando lavoro al Milan non penso al lavoro, penso alla vita. D’altronde, condividendo l’ufficio tutti i giorni con Paolo, come mi potrei sentire?”.

Ai tifosi che guardano con invidia al mercato dei cugini sognando il campione celebrato che messaggio invia?
“Non voglio fare paragoni, ma posso dire che il tempo e i risultati ci diranno chi ha lavorato bene e chi no. Stiamo facendo il massimo considerando le varie problematiche. Ci vorrà del tempo, ma dobbiamo in qualche modo bruciare le tappe. Poi, i grandi nomi possono anche non corrispondere ai giocatori giusti: Kaká lo conosceva qualcuno quando è arrivato? Sono convinto che alla fine i tifosi saranno contenti delle nostre scelte. Non cerchiamo insensati fuochi d’artificio, come qualche anno fa. Bisogna fare le scelte calcisticamente più logiche”.

Loading...

Fra 8 giorni termina il mercato: è possibile affermare con certezza che Donnarumma, Suso e Kessie resteranno?
“La nostra volontà è di tenerli, assolutamente”.

Il desiderio di Correa di trasferirsi a Milano vi faciliterà nella trattativa con l’Atletico?
“Il Milan è una società corretta ed elegante, non farà mai leva sulla volontà del giocatore”.

Considerando i vincoli dell’Uefa, il lavoro è stato più complesso di quello che credeva?
“Penso che il Fair Play Finanziario abbia generato stabilità nel sistema. Complessivamente ha fatto bene al calcio, ma l’Uefa si deve rendere conto che va adattato e rifinito”.

Il presidente Scaroni ricorda spesso il ruolo di leadership nel mondo del Milan, invitandolo a riprendersi la sua posizione nel panorama calcistico. Avverte la pressione?
“Sappiamo che il Milan, anche se deve in questo momento tenere un profilo basso, resta un club di appeal mondiale. Non vorrei che si scambiasse il basso profilo con l’assenza di ambizione. Il nuovo proprietario ha portato stabilità e l’obiettivo — altrimenti, né Paolo né io saremmo qua — è un Milan vero, un Milan che ritorni a essere protagonista e vincente, giocando un calcio offensivo e di carattere. Il presidente Scaroni ha poi fatto una battuta su una Juve leader italiana e un Milan più mondiale, ma sappiamo bene che noi dobbiamo fare tanto e velocemente per stare lì dove sta la Vecchia Signora, che è sempre stata, sì, italiana, ma anche mondiale. Poi, è vero che il Milan ha un fascino tutto suo, unico, ma se non vinci e non giochi bene, la storia conterà sempre di meno”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂