Il Milan (con)vince in rimonta: Gattuso soddisfatto a metà

L'allenatore del Milan Rino Gattuso

Vittoria in rimonta per il Milan nella seconda giornata dei gironi di Europa League. I rossoneri abbattono con il risultato di 3-1 un buon Olympiacos, passato in vantaggio al 14′ con un bel colpo di testa di Guerrero. La squadra allenata da Gattuso cambia registro nel secondo tempo, soprattutto con l’ingresso in campo di Calhanoglu e Cutrone al posto di Bonaventura e di uno spento Castillejo. Sono proprio il turco (che ha confezionato due splendidi assist) e l’attaccante classe ’98 (autore di una doppietta) a regalare il successo al Milan. In gol anche Higuain.

Milan-Olympiacos, Gattuso: “Soddisfatto del risultato, non della prestazione”

Queste le parole di mister Gattuso nel post-partita: “Sono soddisfatto del risultato, ma possiamo interpretare meglio le partite. Dobbiamo migliorare quando c’è da pressare alti e quando c’è da difendere. Mi piacerebbe organizzare alcune cose meglio. Non sono soddisfatto della prestazione, lo sono del risultato”.

Su Calhanoglu: “Hakan ha bisogno di fiducia, di essere più tranquillo. È un ragazzo che ci tiene molto, il suo problema è quello di pensare troppo”.

Su Higuain: “Sapevamo che non era al massimo, ma è un grande attaccante e lo ha dimostrato per l’ennesima volta questa sera”.

Sulla prestazione: “Nel primo tempo abbiamo creato tanto, ma abbiamo giocato sotto ritmo. Suso ha fatto una grande partita, ma la squadra non riusciva ad accelerare, pur avendo preparato alcune cose in maniera diversa. Bisogna scivolare meglio, le linee di Bakayoko e Biglia erano molto alte e in questo modo si spende più del dovuto. È questo che non mi è piaciuto”.

Su Bakayoko: “Non si può pretendere molto in questo momento da lui. Si sta ambientando e non è ancora al meglio”.

Reina: “Cutrone ha una grinta contagiosa”

Ai microfoni di Sky Sport ha parlato anche Pepe Reina, che ha esordito tra i pali a San Siro.

Queste le parole del portiere: “L’Europa non è mai scontata, è una competizione che ti dà valore. Nel primo tempo non abbiamo fatto male. Loro hanno fatto un tiro e un gol. Nel secondo tempo abbiamo subito un po’ di più, ma alla fine abbiamo ribaltato la partita perché abbiamo concretizzato meglio”.

Su Cutrone: “È già una realtà e ha un futuro davanti a sé. La sua grinta è un qualcosa di straordinario e contagiosa”.

Su Ibrahimovic e su un suo eventuale ritorno in rossonero a gennaio: “È un grandissimo giocatore e se venisse al Milan darebbe certamente una grossa mano”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂