Un Milan in corsa per il decollo stagionale

Cutrone e altri giocatori del Milan esultano dopo una vittoria

Si ricomincia. Il campionato riappare alle porte del fine settimana. Apre una fase decisiva per il Milan chiamato a dare slancio alle sue ambizioni in Italia e in Europa in un tour de force che lo vedrà impegnato in una sequenza di cinque sfide, quattro delle quali in trasferta.

Si riparte con il Cagliari in terra sarda, poi con il Dudelange in Lussemburgo, con l’Atalanta a San Siro, quindi con l’Empoli in Toscana e, a fine mese, con il Sassuolo a Reggio Emilia. Le attese sono per un pokerissimo, che dovrebbe assestare la squadra di Gattuso verso posizioni di vertice in campionato e favorirne il buon avvio in Europa League. Queste le attese.

Difesa, Biglia e Higuain le chiavi di Gattuso

Poi, il campo dovrà dire la sua. Si riprende con la leadership di Higuain, che dovrebbe essere un punto di riferimento costante della manovra collettiva da finalizzare ai suoi indirizzi, vale a dire verso quelle indicazioni che un affiatamento in crescita dovrebbe agevolare e che il Pipita, spesso, si sforza di comunicare ai suoi compagni, sotto lo sprone dello stesso Gattuso.

Si riprende con un Donnarumma che, per le prove offerte con la Nazionale, promette di ritrovare i suoi standard migliori, che sono quelli di un autentico campione, ovviamente al netto di qualche sbavatura e di qualche imprudenza dovuta a quei passaggetti in area talvolta alla portata dei falchi avversari in agguato nelle vicinanze.

Si riprende con un assetto difensivo che dovrebbe dare risposte più soddisfacenti, dopo i più recenti collaudi del primo tempo a Napoli e nel match contro la Roma, risposte possibili a fronte di reparti avanzati che non sono sempre quelli dei due squadroni già affrontati.

Biglia resta il nodo dell’intero impianto tattico, ma il giocatore ha mostrato di poter ritrovare le sue qualità, avendo marcato evidenti progressi da Napoli e San Siro. Higuain deve sentirsi con le spalle al sicuro e sapere di poter contare su rifornimenti che gli diano quelle opportunità che la sua classe saprebbe sfruttare a dovere.

Occorre la consapevolezza che i prossimi impegni sono tutt’altro che abbordabili. Soprattutto, Cagliari, Atalanta e Sassuolo hanno dimostrato d’essere formazioni piuttosto incisive, che – è facile prevederlo – daranno filo da torcere a Romagnoli e compagni.

Per il resto, non bisogna prendere sottogamba lussemburghesi ed empolesi nei rispettivi appuntamenti che potrebbero consentire a Gattuso di dosare un turnover che appare necessario in corrispondenza degli imminenti impegni del fitto calendario. La saggezza tattica e strategica di un allenatore, galvanizzato dalle sue scelte più recenti, sarà la garanzia migliore perché il Milan possa decollare sullo slancio dei suoi viaggi settembrini.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂