Bonucci alla Juve, il Milan si impunta: scambio con Caldara o non si chiude

Leonardo Bonucci con la fascia di capitano del Milan

Bonucci alla Juventus, la telenovela continua. Dopo i primi contatti tra Marotta e Leonardo (neo dirigente rossonero) per discutere dei termini dell’operazione, il club rossonero non sembra essere disposto a trattare oltremodo con i bianconeri. La proposta del Milan è chiara: scambio alla pari con Caldara oppure la trattativa rischia di saltare.

Calciomercato: Bonucci alla Juve solo se arriverà Caldara in rossonero

L’ipotesi di uno scambio con Higuain sembra essere, dunque, tramontata. Almeno per il momento. Il Milan, infatti, valuta il Pipita meno dei 60 milioni di euro richiesti dal club bianconero e non sarebbe disposto ad offrire un conguaglio da venti milioni di euro per un calciatore che a dicembre compirà 31 anni. Piuttosto, l’idea della nuova proprietà è di acquistare, per la stessa cifra, un attaccante più giovane e dal potenziale inespresso (come, ad esempio, Morata).

Proprio per questo motivo, il club di via Aldo Rossi avrebbe deciso di puntare non sull’attaccante argentino, bensì su un difensore nell’operazione che dovrebbe riportare il figliol prodigo Bonucci “a casa”. Trattasi di Mattia Caldara, trasferitosi dall’Atalanta alla Juve all’inizio di questa estate (i bianconeri avevano già acquistato il giocatore due anni fa, ma avevano deciso di lasciarlo in prestito alla corte di Gasperini).

L’idea del Milan sarebbe quella di uno scambio alla pari tra i due difensori. Un’idea che – però – non trova d’accordo Marotta e i dirigenti bianconeri, che valutano Caldara (addirittura) più di Bonucci e che vorrebbero inserire (a tutti i costi) Higuain nell’operazione, il quale rischierebbe di giocare pochissimo dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo.

Scambio Bonucci-Caldara: nuovi contatti nella giornata di oggi

Nuovi contatti sono previsti nella giornata odierna tra Milan e Juve, ma l’impressione è che i rossoneri proseguiranno con questa loro strategia: scambio alla pari con Caldara o rivalutazione di Higuain a condizioni nettamente più vantaggiose. Del resto Leonardo può permettersi di dettare le condizioni.

Innanzitutto, il contratto di Bonucci scadrà soltanto nel 2022 e questo non obbliga il Milan a cederlo subito se non dovessero esserci le condizioni necessarie, nonostante la volontà manifestata dal difensore. In secondo luogo la nuova dirigenza rossonera potrebbe decidere di voler monetizzare la cessione di Bonucci, senza dunque chiedere nessuno in cambio. La partita a scacchi tra i due club è iniziata da poco, ma sembra esserci già la possibilità di uno scacco matto…

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂