HomeBiografieRoberto Baggio

Roberto Baggio

Biografia

Il leggendario bombardiere del XX secolo Roberto Baggio è entrato nella storia del calcio mondiale grazie non tanto alle vittorie, quanto al gioco spettacolare. Indossando la maglia numero 10, l’atleta svolgeva la funzione di regista, ma si adattava facilmente anche agli attacchi. Nel suo arsenale, durante i 30 anni di carriera, c’erano più di 300 gol, 5 titoli di squadra e il “Pallone d’oro” assegnato nel 1993.

Inoltre, Baggio è una figura chiave nella storia della sfortunata squadra italiana nei rigori delle finali dei campionati del mondo. Tre volte la nazionale italiana si è trovata a un passo dalla vittoria, tre volte il destino del torneo è stato deciso dai rigori, e tre volte i calciatori italiani, tra cui Roberto, hanno fallito. Tuttavia, le sconfitte hanno solo aggiunto colore alla biografia di Baggio, uno degli atleti più memorabili del secolo scorso.

Roberto Baggio
Roberto Baggio

Infanzia e adolescenza

Roberto Baggio gioca a calcio fin da bambino. È nato a Caldono, in Italia, il 18 febbraio 1967. Nella famiglia, dove oltre a Roberto crescevano sette dei suoi fratelli, il calcio aveva un posto speciale. A sette anni, il ragazzo iniziò ad allenarsi nella squadra locale, giocando nella formazione giovanile.

Già allora si manifestò il talento del bombardiere: all’età di 13 anni, in una partita con il “Caldonno”, Roberto segnò sei gol all’avversario. Il risultato impressionò così tanto lo scout della “Vicenza” presente in tribuna che gli offrì di trasferirsi nella capitale della provincia. Il giovane giocò due stagioni nella squadra giovanile e dal 1982 prese il posto nella formazione principale.

Calcio

I 13 gol segnati in tre stagioni con la “Vicenza” aiutarono Baggio ad affermarsi nel mondo dello sport e nel 1985 avvenne il trasferimento. La “Vicenza” ricevette tre miliardi di lire italiane e il calciatore passò alla “Fiorentina”.

Uno dei primi allenamenti rischiò di segnare la fine della carriera del promettente giocatore. L’infortunio al legamento e al menisco del ginocchio subito da Baggio avrebbe dato alla dirigenza del club la possibilità di rescindere il contratto. Invece, il presidente della “Fiorentina”, Piercesare Barretti, trovò i migliori medici per Roberto, che lo rimisero in piedi.

Per la prima volta con la squadra fiorentina, Baggio scese in campo due anni dopo la firma del contratto e subito segnò un gol decisivo. Grazie al nuovo arrivato, la “Fiorentina” mantenne il suo posto nella Serie A italiana. Questo risultato era essenziale per la squadra e per i tifosi.

Negli anni ’80, la squadra fiorentina non attraversò un buon momento: in cinque anni, sette allenatori si succedettero sulla panchina, ma non fu conquistato alcun trofeo. Tuttavia, i tifosi della “Fiorentina” apprezzarono le prestazioni di Roberto.

La simpatia aumentò anche grazie alla prestazione di Baggio al campionato del mondo casalingo del 1990. L’Italia vinse tutte le partite del girone di qualificazione, sconfisse a turno l’Uruguay e l’Irlanda nei play-off e raggiunse le semifinali contro l’Argentina. Con il punteggio di 1-1, si tenne la serie di rigori. Il tiro di Baggio fu vincente, ma il portiere argentino difese la porta dagli altri compagni di squadra.

Nella partita per il terzo posto l’Italia ha battuto l’Inghilterra e ha ottenuto la medaglia d’argento.

Nel 1990 il giocatore viene acquistato dalla Juventus. La somma del trasferimento ammonta a un record di 25 miliardi di lire italiane. Nella formazione iniziale dei “bianconeri” Baggio gioca praticamente ogni partita.

Dopo cinque stagioni nella squadra di Torino, il calciatore ha segnato 141 partite e 78 gol su 218 segnati in tutta la carriera del club. Proprio con la Juventus, Baggio vince nel 1993 la Coppa UEFA, riceve il “Pallone d’Oro” e il titolo di “Giocatore dell’anno” dalla FIFA.

In contrasto con questo trionfo, gli eventi del 1994 sembrano ancora più drammatici. Baggio si esibisce nuovamente nella nazionale al campionato mondiale, e questa volta l’Italia arriva in finale, dove incontra i brasiliani. Roberto, il cui idolo d’infanzia era l’ispanico Zico, ha sognato per molti anni questo confronto. E di nuovo un pareggio – questa volta zero a zero, e di nuovo i rigori. Questa volta Baggio si fida del quinto, decisivo tiro. E la palla vola sopra la porta. Il rigore non segnato di Roberto Baggio.

Anche durante le interviste degli anni 2000 e 2010, Baggio ricorda il suo fatale errore.

“Questo ricordo rimarrà con me fino alla fine dei miei giorni. Sarebbe stato meglio perdere quella partita con un punteggio di 0-3 anziché per rigore! È la mia più grande tragedia nella vita, così amara…”

La stampa italiana distrusse Baggio in quel momento. Ma lui trovò la forza di superare la delusione e andare avanti. La stagione successiva al grande fallimento personale lo aiutò a riscattarsi con i suoi tifosi. Insieme alla Juventus, Baggio vinse il campionato nazionale e la Coppa Italia, ma a causa di un conflitto con l’allenatore della squadra, Marcello Lippi, lasciò il club.

Baggio trascorse una stagione di successo al Milan, vincendo il campionato nazionale di Serie A con la squadra e passando poi al Bologna. Il carico di lavoro per il giocatore si rivelò enorme: durante la stagione, Baggio giocò in 30 partite e segnò 22 gol. L’intensità e l’efficacia delle sue prestazioni gli valsero un posto nella formazione titolare per il suo terzo campionato mondiale.

Questa volta, l’Italia raggiunse solo il quarto posto del torneo. Sono stati eliminati dalla squadra di casa – la squadra del “golden generation” del calcio francese guidata da Didier Deschamps e Zinedine Zidane che si è aggrappata fino alla fine. E per la terza volta, la sorte della squadra italiana nel campionato mondiale è stata decisa da un rigore mancato. Baggio ha tirato per primo e il suo gol ha pareggiato il punteggio dopo il tiro di Zidane. Ma Di Biagio ha colpito la traversa.

Dopo la Coppa del Mondo, Baggio ha giocato due stagioni all’Inter, segnando 15 gol per il club milanese. Alcuni di questi gol hanno garantito alla squadra la partecipazione alla Champions League. Presto Lippi ha preso il posto di allenatore dell’Inter e Roberto, perdendo il posto nel primo undici, è andato al Brescia, che gioca nella serie B.

Baggio ha saltato il Mondiale del 2002: lo staff tecnico della nazionale ha deciso che la squadra avrebbe fatto a meno di Roberto. Gli italiani non sono riusciti a uscire dal gruppo, perdendo contro la Croazia e pareggiando contro il Messico. Ha giocato la sua ultima partita per la nazionale nell’aprile del 2004 contro gli spagnoli. Nel maggio ha giocato per l’ultima volta con il Brescia, dopo di che ha annunciato di aver concluso la sua carriera.

Roberto Baggio

Vita personale

La moglie del calciatore si chiama Andreina Fabbri. Nel 1990 la coppia ha avuto una figlia, che hanno chiamato Valentina. Nel 1994 è nato il fratello di Valentina, Matteo. Per la terza volta Roberto è diventato padre a 42 anni. Sta crescendo suo figlio Leonardo, nato nel 2005.

Il leggendario giocatore ha pubblicato un’autobiografia. Nella versione russa del libro ci sono titoli alternativi: “Palla in cielo” e “Porte”.

La religione del calciatore è diversa dalla fede dei suoi connazionali: Baggio è un buddista. Il soprannome del giocatore “Codino divino” è legato alle sue convinzioni religiose e al suo stile di capelli. L’altezza di Baggio è di 174 cm, il peso è di 73 kg. A volte Roberto viene confuso con un omonimo, il centrocampista italiano Dino Baggio.

Roberto Baggio ha ottenuto la formazione da allenatore e possiede la licenza che gli consente di essere un allenatore di squadre di alto livello. Tuttavia, l’ex calciatore non ha ancora iniziato la sua carriera da allenatore. È noto che si dedica alla beneficenza. Tra i calciatori moderni, evidenzia Domenico Berardi e Lionel Messi.

Baggio non è presente sui social media, ma ci sono pagine create dai fan su Instagram. Gli appassionati pubblicano foto delle prestazioni del bombardiere. Dal 2007 ha gestito un sito ufficiale con cui comunicava con i fan, ma gli ultimi aggiornamenti del sito risalgono al 2014. In un’intervista recente ha dichiarato di non giocare a calcio nemmeno con i bambini, poiché le vecchie lesioni si fanno sentire.

ARTICOLI CORRELATI
Exit mobile version