Home Biografie Gianluca Zambrotta, la biografia

Gianluca Zambrotta, la biografia

0
74

Gianluca Zambrotta, nato il 19 febbraio 1977) è stato un ex calciatore professionista italiano che ha giocato come terzino destro o come centrocampista laterale, sia sulla sinistra che sulla destra.

Durante la sua carriera, Zambrotta ha giocato per diversi club italiani. Ha iniziato la sua carriera con il club locale Como nel 1994, e ha guadagnato notorietà giocando per il Bari, che gli ha guadagnato un trasferimento alla Juventus nel 1999. Durante le sue sette stagioni con il club, ha vinto due titoli consecutivi di Serie A e Supercoppa Italiana nel 2002 e 2003, raggiungendo anche la finale della UEFA Champions League del 2003. Ha anche trascorso due stagioni relativamente poco fortunate con il Barcellona tra il 2006 e il 2008, dove ha vinto la Supercoppa de España del 2006. Tornò in Italia per giocare per l’AC Milan, dove ha vinto il suo terzo titolo di Serie A e Supercoppa Italiana nel 2011. Ha concluso la sua carriera dopo una stagione con il club svizzero Chiasso nel 2014, che in seguito ha allenato.

Carriera nei club

Di origini campane, Gianluca Zambrotta ha iniziato la sua carriera professionale con il club della sua città natale, il Como, all’età di 17 anni nel 1994. Nella sua prima stagione in Serie B, ha giocato solo una partita. Nel 1995, tuttavia, il Como è stato retrocesso in Serie C1. Zambrotta ha iniziato a giocare più regolarmente per la prima squadra, come ala o centrocampista laterale. Nelle stagioni 1995-96 e 1996-97, ha disputato 47 presenze e segnato 6 gol, giocando in Serie B e Serie C1.

Bari

Nel 1997, la carriera di Zambrotta in Serie A è iniziata quando il suo grande potenziale è stato notato dal tecnico del Bari, Eugenio Fascetti. Zambrotta è stato ingaggiato da Fascetti dopo che il Bari aveva ottenuto la promozione in Serie A. Ha debuttato in Serie A il 31 agosto 1997 in una sconfitta casalinga per 2-0 contro il Parma. Nel suo primo anno in massima serie ha giocato come ala sinistra e segnato 2 gol in 27 presenze.

Nella stagione 1998-99, dopo la partenza di Nicola Ventola, Zambrotta esplose. Nella prima giornata di campionato, ha segnato l’unico gol della partita contro il Venezia dopo soli nove minuti del primo tempo. Zambrotta ha continuato a brillare ed è stato la figura chiave per l’inizio sorprendente della stagione del Bari. Nella settima giornata, ha segnato il gol dell’apertura al San Siro e ha aiutato il Bari a vincere la partita per 3-2 contro l’Inter.

Gianluca Zambrotta alla Juventus

Dopo il trasferimento alla Juventus il 1º luglio 1999, Zambrotta continuò la sua ascesa sotto la guida del manager Carlo Ancelotti. Nella sua prima stagione alla Juventus, Zambrotta disputò 32 partite in campionato e segnò un gol. Nell’ultima giornata della stagione, il 14 maggio 2000, la Juventus perse lo Scudetto 1999-2000, venendo sconfitta 1-0 in trasferta contro il Perugia. Nella sua seconda stagione alla Juventus, Zambrotta disputò 29 partite in campionato e segnò tre gol, ma la Juventus finì ancora una volta al secondo posto in Serie A, dietro alla Roma.

Zambrotta vinse il suo primo Scudetto nella stagione 2001-02, disputando 32 partite e segnando un gol durante la stagione, raggiungendo anche la finale di Coppa Italia 2002 con il club. Dopo che Zambrotta si infortunò nella partita contro la Corea del Sud durante il campionato del mondo 2002, saltò l’inizio della stagione di Serie A 2002-03. Durante la sua assenza, il nuovo acquisto Mauro Camoranesi prese il suo posto sulla fascia destra e si dimostrò in grande forma. Questo spinse l’allenatore Marcello Lippi a spostare Zambrotta sulla fascia sinistra quando tornò in campo. Zambrotta si adattò alla sua nuova posizione molto velocemente e si comportò particolarmente bene. Dimostrò la sua velocità, la sua resistenza, la sua abilità tecnica, la sua intelligenza tattica e la sua versatilità, nonché la sua capacità di contribuire sia in attacco che in difesa.

L’affermazione internazionale

Zambrotta rimase un giocatore regolare della prima squadra mentre la Juventus vinse il suo secondo Scudetto consecutivo. Non solo, raggiunse la finale della Champions League, in cui fu sconfitta dal Milan ai rigori dopo un pareggio a reti inviolate. Nella stagione successiva, la Juventus si vendicò della sconfitta battendo il Milan per la Supercoppa Italiana 2003 ai rigori e raggiunse anche la finale di Coppa Italia 2004. Zambrotta vinse quattro Scudetti con la Juventus, disputando un totale di 217 partite in campionato e segnando sette gol in sei stagioni. Nella stagione 2005-06, a seguito dell’infortunio di Jonathan Zebina e dell’arrivo di Giorgio Chiellini, Zambrotta venne nuovamente spostato sulla fascia destra.

Da allora, Zambrotta si alternò frequentemente tra le posizioni di terzino destro e sinistro o di ala. Nel 2005, Zambrotta prolungò il suo contratto fino al 2010, ma, a seguito della retrocessione della Juventus in Serie B a causa dello scandalo del calcio italiano 2006 (calciopoli), decise di lasciare il club nell’estate del 2006. Lo acquistò il Barcellona per 14 milioni di euro.

Gianluca Zambrotta
Gianluca Zambrotta

Barcellona

Il 4 agosto 2006, dopo le vacanze seguenti alla Coppa del Mondo 2006, Zambrotta si presentò al suo nuovo club. Il Barça era in tournée pre-stagionale in Nord America e Zambrotta si allenò con i suoi nuovi compagni di squadra, facendo poi il suo debutto nell’ultimo match del tour il 12 agosto contro i New York Red Bulls. In due stagioni con il club catalano, Zambrotta scese in campo in 58 partite di campionato, segnando tre gol, prima di fare ritorno in Italia. C’era molta speculazione che potesse accasarsi al Milan o tornare al suo ex-club Juventus.

Passaggio al Milan

Il 31 maggio 2008, Zambrotta firmò un contratto triennale con il Milan. Il club rossonero versò al Barcellona 9 milioni di euro per i suoi servizi, con un potenziale contributo futuro di 2 milioni di euro a seconda delle performance del Milan in Champions League. Si pensa che Zambrotta guadagnasse circa 4 milioni di euro all’anno. Il suo trasferimento costrinse il terzino destro del Milan, Massimo Oddo, a essere ceduto in prestito al Bayern Monaco per avere maggiori possibilità di giocare regolarmente.

Il 21 settembre 2008, Zambrotta segnò il suo primo gol per il Milan, da 31 metri di distanza, nella partita di campionato contro la Lazio. Nella stagione 2008-2009, disputò più partite di qualsiasi altro giocatore del Milan. Nella stagione successiva, fu impiegato prevalentemente come terzino sinistro, battagliando con Luca Antonini per il posto da titolare, mentre il promettente Ignazio Abate si affermava come terzino destro. Per la stagione 2010-2011, Zambrotta diventò più versatile e adattabile, spesso utilizzato come giocatore di posizione.

Zambrotta rinnovò il suo contratto in scadenza con il Milan, garantendosi almeno un altro anno con la squadra fino all’estate del 2012. Tuttavia, il Milan decise di non rinnovare il contratto di vari giocatori veterani, tra cui lo stesso Zambrotta insieme a Filippo Inzaghi, Mark van Bommel, Alessandro Nesta e Gennaro Gattuso. Il 13 maggio 2012, Zambrotta disputò la sua ultima partita con il Milan contro il Novara.

Chiasso

Il 19 luglio 2013, Zambrotta ha firmato con il club svizzero Chiasso, con l’opzione di diventare un giocatore-assistente allenatore durante la sua seconda stagione con il club, sotto la guida di Ernestino Ramella. Ha fatto il suo debutto con la squadra l’11 agosto 2013, in un pareggio per 0-0 contro il Lugano, nella Swiss Challenge League 2013-14. Il 27 novembre, in seguito al licenziamento del manager Ryszart Komornicki, con il club all’ultimo posto, Zambrotta è stato nominato giocatore-allenatore; alla fine della stagione, ha aiutato il Chiasso ad evitare la retrocessione il 14 maggio 2014, annunciando anche la fine della sua carriera da giocatore. Ha continuato ad allenare il Chiasso nella stagione successiva, ma è stato infine licenziato il 6 aprile 2015.

Carriera internazionale

Poco dopo che Zambrotta fu portato in Serie A, attirò l’attenzione della nazionale italiana. Fu selezionato per giocare per la nazionale italiana under-21 per la prima volta il 25 marzo 1998 contro Malta. Nella sua seconda partita per l’U21, contro il Galles il 22 aprile 1998, segnò il secondo gol per l’Italia al 43º minuto e contribuì alla vittoria per 2-1 dell’Italia. Nel 1998, ha giocato in tutte e sei le partite dell’Italia U21, mentre ne ha vinte cinque e pareggiate l’ultima contro la Spagna.

Fu in tour con la nazionale under-21 che Gianluca Zambrotta guadagnò il soprannome “la Sirena” per il fatto che passava un’ora ogni sera di fronte allo specchio a curare la sua ora famosa barba a punta. Dopo alcune prestazioni impressionanti per l’U21 e un ottimo inizio della stagione 1998-99, Zambrotta guadagnò la sua prima maglia da titolare il 10 febbraio 1999, nove giorni prima del suo 22º compleanno, in un pareggio amichevole per 0-0 contro la Norvegia.

Grazie alle sue prestazioni costanti, ha fatto parte della squadra italiana alla UEFA Euro 2000 sotto la guida dell’allenatore Dino Zoff, in cui hanno raggiunto la finale, con Zambrotta che ha fatto quattro apparizioni durante il torneo. Gianluca Zambrotta è stato escluso dalla sconfitta dell’Italia per mano dei campioni del mondo in carica, la Francia, nella finale, tuttavia, dopo essere stato espulso nella partita delle semifinali contro i co-padroni di casa dei Paesi Bassi a seguito di un doppio cartellino giallo. Nel 2006 ha fatto parte della rosa degli azzurri che ha trionfato nei Mondiali in Germania.

Palmares

Juventus:

Serie A: 2001–02, 2002–03
Supercoppa Italiana: 2003
UEFA Intertoto Cup: 1999

Barcellona:

Supercopa de España: 2006

AC Milan

Serie A: 2010–11
Supercoppa Italiana: 2011

Italia:

FIFA World Cup: 2006