HomeBiografieAndriy Schevchenko, la biografia

Andriy Schevchenko, la biografia

Andriy Schevchenko, nato il 29 settembre 1976, è un allenatore di calcio ucraino, ex calciatore professionista ed ex politico. Shevchenko ha giocato come attaccante per Dynamo Kyiv, A.C. Milan, Chelsea e la nazionale ucraina. È stato l’ultimo allenatore del club di Serie B Genoa.

Shevchenko è considerato uno degli attaccanti più letali della storia del calcio. È al settimo posto tra i migliori marcatori di tutti i tempi in competizioni europee, con 67 gol. Con un totale di 175 gol segnati per il Milan, è il secondo giocatore più prolifico della storia del club e detiene il record di gol nel Derby della Madonnina (il derby tra il Milan e il loro rivale locale Inter) con 14 gol. Inoltre, è il miglior marcatore di tutti i tempi della nazionale ucraina con 48 gol.

Una carriera da top player

La carriera di Andriy Shevchenko è stata caratterizzata da numerosi premi, il più prestigioso dei quali è stato il Pallone d’oro nel 2004 (diventando il terzo ucraino, dopo Oleg Blokhin e Igor Belanov, a riceverlo). Ha vinto la UEFA Champions League nel 2003 con il Milan e ha anche vinto vari titoli di campionato e di coppa in Ucraina, Italia e Inghilterra. È stato anche vicecampione della Champions League nel 2005 e nel 2008. Nel 2005 è stato nominato nella FIFA World XI. Nel 2004 è stato nominato uno dei 100 più grandi calciatori viventi come parte della celebrazione del centenario della FIFA.

Nella sua carriera internazionale, Andriy Shevchenko ha guidato l’Ucraina come capitano ai quarti di finale nella loro prima apparizione al FIFA World Cup nel 2006 e ha partecipato anche all’UEFA Euro 2012 in casa. Nel 2012 ha abbandonato il calcio per la politica e si è candidato alle elezioni per il Parlamento ucraino nelle elezioni parlamentari ucraine di ottobre 2012. Qu 2016 ha iniziato un’avventura come assistente allenatore della nazionale ucraina da febbraio a luglio, allora guidata da Mykhaylo Fomenko. Nel mese di luglio dello stesso anno, Shevchenko è stato nominato allenatore capo dell’Ucraina e ha guidato la nazione ai quarti di finale all’UEFA Euro 2020. Shevchenko è diventato vicepresidente del Comitato Olimpico Nazionale dell’Ucraina il 17 novembre 2022.

L’esordio

Shevchenko è nato a Dvirkivshchyna, Ucraina. La sua famiglia si trasferì a Kyiv nel 1979. A Kyiv, Shevchenko frequentò la 216ª Scuola della Città e nel 1986 (a 9 anni) si iscrisse alla sezione di calcio allenata da Oleksandr Shpakov. A causa dell’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl, insieme al suo gruppo sportivo fu evacuato temporaneamente dalla città. In giovane età, è stato anche un pugile competitivo nella lega junior ucraina LLWI, ma alla fine ha scelto di passare al calcio. Shevchenko cominciò la sua carriera professionistica all’età di 16 anni quando entrò in campo per soli 12 minuti come sostituto in una sconfitta casalinga.

Andriy Schevchenko
Andriy Schevchenko

Nella storia del Milan

L’8 febbraio 2006, Shevchenko è diventato il secondo miglior marcatore di tutti i tempi del Milan, dietro a Gunnar Nordahl, dopo aver segnato contro il Treviso. Ha concluso la stagione come quarto miglior marcatore con 19 gol in 28 partite. Andriy Shevchenko ha terminato la sua permanenza di sette anni al Milan con 175 gol in 296 partite. Durante l’estate del 2005, ci sono stati persistenti rapporti secondo cui il proprietario del Chelsea Roman Abramovich ha offerto una somma record di 73 milioni di euro e l’attaccante Hernán Crespo al Milan in cambio di Shevchenko.

Il Milan ha rifiutato l’offerta monetaria ma ha preso Crespo in prestito. Il direttore esecutivo del Chelsea, Peter Kenyon, è stato citato dicendo: “Penso che Shevchenko sia il tipo di giocatore che ci piacerebbe avere. Alla fine per migliorare quello che abbiamo, deve essere un grande giocatore e Shevchenko sicuramente rientra in quella classe”. Shevchenko ha citato la persistenza di Abramovich come un fattore chiave nel suo trasferimento. Il Milan, disperato di tenere il giocatore, ha offerto a Shevchenko un’estensione del contratto di sei anni.

Arrivo di Andriy Shevchenko al Chelsea

Il 28 maggio 2006, Andriy Shevchenko lasciò il Milan per il Chelsea per 30,8 milioni di sterline (43,875 milioni di euro), superando la cifra del trasferimento di Michael Essien dell’anno precedente e battendo anche il record per un giocatore firmato da un club inglese. Ricevette la maglia numero sette, poiché il manager del Chelsea José Mourinho disse che Shevchenko poteva continuare a indossarla.

Andriy Schevchenko ha fatto il suo debutto per il Chelsea il 13 agosto 2006 nella FA Community Shield, segnando il gol della sua squadra in una sconfitta per 2-1 contro il Liverpool. Il 23 agosto, ha segnato il suo primo gol in Premier League – e il suo 300° in calcio di primo livello e internazionale – in una sconfitta per 2-1 contro il Middlesbrough.

Ha segnato gol sporadicamente durante la stagione, tra cui pareggi contro il Porto e il Valencia nella Champions League 2006-07 e un altro contro il Tottenham Hotspur nella FA Cup per aiutare la sua squadra a raggiungere le semifinali. Concluse con un totale di 14 gol su 51 partite. Ha saltato la semifinale della Champions League contro il Liverpool e la finale della FA Cup contro il Manchester United al nuovo stadio di Wembley il 19 maggio 2007.

Stile di gioco

Andriy Schevchenko è stato un attaccante veloce, laborioso, energico e completo, che ha segnato molti gol e sfruttato ogni occasione. Di solito giocava come centravanti, ma era in grado di muoversi ovunque sul fronte dell’attacco e spesso giocava in una posizione libera, attaccando dalla fascia sinistra e superando gli avversari con la sua velocità e la sua capacità di muoversi senza palla. A volte occupava anche una posizione più ampia come ala sinistra, in particolare all’inizio della sua carriera e durante il suo secondo periodo con la Dynamo Kyiv negli anni successivi.

Andriy Schevchenko sapeva essere efficace nei calci piazzati e un preciso tiratore di rigori. Era in grado di segnare da ogni posizione, grazie alla sua capacità di posizionarsi e muoversi senza palla, alla sua freddezza sotto porta e al suo potente e preciso tiro con entrambi i piedi, sia da dentro che fuori l’area di rigore. Anche se non era noto per la sua abilità nel gioco aereo, era comunque bravo di testa. Spesso paragonato dai commentatori al compagno di squadra al Milan, Marco van Basten. Anche se non era elegante come l’attaccante olandese, possedeva comunque una buona tecnica. Inoltre, nonostante fosse principalmente un goleador, era capace di giocare insieme ai suoi compagni di squadra, oltre a segnare gol da solo, grazie alla sua capacità di combinare giocate.

Carriera da allenatore

Nel novembre 2012, Shevchenko ha inizialmente rifiutato la proposta della Federazione calcistica dell’Ucraina di diventare il commissario tecnico della nazionale ucraina. Dal 16 febbraio al 15 luglio 2016, Shevchenko ha prestato servizio come vice-allenatore della nazionale ucraina. Il 15 luglio 2016, Shevchenko è stato nominato commissario tecnico della nazionale ucraina. Il 39enne ha sostituito Mykhaylo Fomenko, la cui esperienza quadriennale si è conclusa con l’eliminazione al primo turno di Euro 2016. Il 14 ottobre 2019, Andriy Schevchenko ha portato l’Ucraina alla qualificazione per Euro 2020 con una vittoria casalinga per 2-1 sui campioni europei in carica del Portogallo.

All’Europeo 2020, Andriy Schevchenko ha portato l’Ucraina ai quarti di finale del campionato europeo per la prima volta nella loro storia. La sua squadra si è classificata tra le migliori quattro terze classificate nella fase a gironi, battendo la Svezia ai tempi supplementari negli ottavi di finale e subendo un’eliminazione contro l’Inghilterra al turno successivo. Nonostante il successo della sua squadra, il 1 agosto 2021 ha annunciato la sua partenza dalla carica di allenatore.

Genoa

Il 7 novembre 2021, Shevchenko è stato annunciato come nuovo allenatore della Serie A del Genoa, in seguito all’acquisizione del club da parte della società di investimento statunitense 777 Partners, in sostituzione di Davide Ballardini. Ha firmato un contratto fino al 2024 per la squadra al 18º posto che aveva vinto una volta su 12 partite.

Andriy Schevchenko è sposato con la modella americana Kristen Pazik. La coppia si è incontrata ad un afterparty di Giorgio Armani nel 2002 e si è sposata il 14 luglio 2004 in una cerimonia privata su un campo da golf a Washington, D.C. A partire dal 2006, la coppia comunicava in italiano poiché lui non parlava inglese e lei non parlava ucraino. Dopo il suo ritorno alla Dynamo Kyiv nell’agosto 2009, la coppia ha dichiarato di voler far imparare l’ucraino ai loro figli.

ARTICOLI CORRELATI
Exit mobile version