HomeBiografieAlberto Gilardino, la biografia

Alberto Gilardino, la biografia

Alberto Gilardino è nato il 5 luglio 1982 ed è un ex calciatore e allenatore di calcio italiano, che ha giocato come attaccante. Attualmente è il manager del club di Serie B Genoa.

La carriera

Un prolifico realizzatore di gol, nella sua prima carriera Gilardino è stato paragonato a Filippo Inzaghi per la sua opportunismo, il senso della posizione e l’occhio per il gol. Gilardino attualmente detiene il record di essere il decimo giocatore più giovane ad aver segnato 100 gol in Serie A. Un’impresa che ha raggiunto all’età di 26 anni e 105 giorni. Con 188 gol in Serie A, Alberto Gilardino è attualmente tra i primi 10 marcatori di tutti i tempi della Serie A. La sua celebrazione del gol caratteristica lo vedeva inginocchiarsi e suonare un violino immaginario.

Gilardino ha giocato per diversi club italiani durante la sua carriera. Emerse prima volta durante il suo periodo a Parma grazie alla sua costante capacità di segnare gol, che gli ha valso il premio Serie A Young Footballer of the Year nel 2004.

Tale premio fu seguito dal premio Serie A Footballer of the Year e il premio Serie A Italian Footballer of the Year nel 2005, oltre che un trasferimento al AC Milan. Con il Milan, ha vinto la UEFA Champions League 2006-07, la Supercoppa UEFA 2007 e la Coppa del Mondo per club FIFA 2007. Gilardino ha anche giocato per il club cinese Guangzhou Evergrande, con cui ha vinto la Chinese Super League 2014.

Successi con gli azzurri

Alberto Gilardino ha rappresentato l’Italia a livello under-19, under-20, under-21 e senior. Gilardino ha fatto parte della squadra italiana che ha vinto il Campionato europeo di calcio Under-21 UEFA 2004, dove è diventato il miglior marcatore del torneo. È stato anche nominato miglior giocatore del torneo e uno dei due attaccanti nella Squadra del Torneo UEFA.

Più tardi quell’anno, ha anche vinto una medaglia di bronzo con l’Italia alle Olimpiadi estive del 2004. È il miglior marcatore di tutti i tempi della nazionale italiana U-21 con 19 gol in 30 presenze. A livello senior, ha fatto parte della squadra italiana vincitrice della Coppa del Mondo FIFA 2006 ed ha partecipato anche alla Confederations Cup FIFA 2009, al campionato del mondo FIFA 2010 e alla Confederations Cup FIFA 2013, dove ha vinto una medaglia di bronzo. In tutta la sua carriera Gilardino ha segnato 432 gol.

Alberto Gilardino
Alberto Gilardino

Inizi al Piacenza

Residente dalla nascita a Cossato, in provincia di Biella, Gilardino ha iniziato a giocare con la Cossatese, con cui è rimasto fino alla categoria Under-15 dei Juniores. Dopo un altro anno nella giovanile dell’A.S.D. Junior Biellese Libertas sotto la guida di Luca Prina, Gilardino è andato al Piacenza. L’allenatore Luigi Simoni gli ha dato il suo debutto in Serie A all’età di 17 anni, il 6 gennaio 2000, contro il AC Milan. La stagione è terminata con la retrocessione del Piacenza in Serie B, ma Gilardino è comunque riuscito a fare un’ottima impressione segnando 3 gol in 17 partite.

Gilardino al Verona

Nel settembre 2000, “Gila”, come viene spesso soprannominato e già considerato un talento, è stato venduto in comproprietà all’Hellas Verona per 7 miliardi di lire italiane. Nonostante la sua giovane età, ha segnato cinque gol nelle sue due stagioni al club.

La carriera di Alberto Gilardino è decollata sulla scena internazionale nel 2002, quando il Parma ha acquistato il 50% del suo cartellino, restituendo Šerić al Verona. La mossa è stata fortemente richiesta dall’allora allenatore del Parma, Cesare Prandelli. In seguito, anche Adrian Mutu, compagno di squadra di Gilardino al Verona, è stato ingaggiato per sostituire il partente Marco Di Vaio. Tuttavia, Mutu e Adriano hanno disputato la maggior parte delle partite del Parma nella Serie A 2002-03, relegando Gilardino in panchina. Gilardino ha comunque disputato 24 presenze in campionato e segnato quattro gol, oltre a un gol in Coppa Italia.

Arrivo al Parma

Nella stagione 2003-04, Gilardino ha segnato 23 gol in Serie A, 17 dei quali nella seconda metà della stagione, anche grazie al ritorno di Adriano nell’Inter. I suoi 23 gol lo hanno piazzato al secondo posto nella classifica dei marcatori della Serie A per la stagione, dietro ai 24 di Andriy Shevchenko. Gilardino ha anche segnato tre gol in UEFA Cup. Il giocatore ha attribuito al suo allenatore Cesare Prandelli il merito di averlo aiutato a crescere tecnicamente. Il successo di Gilardino a livello di club e U-21 gli ha fruttato un prolungamento del contratto fino a giugno 2007.

Nella sua terza stagione al Parma (2004-05), ha ripetuto questa impresa segnando altri 23 gol in campionato. Grazie ai suoi gol si è laureato, nuovamente, secondo miglior marcatore della Serie A, preceduto dai 24 di Cristiano Lucarelli. Ha messo a segno in una partita dei playoff contro il Bologna, portando il suo totale a 24 gol. Ha anche realizzato un gol una volta in UEFA Cup. Alla fine della sua permanenza al Parma, realizzò 51 gol in soli 97 incontri in Serie A.

Gilardino al Milan

Il 17 luglio 2005, Alberto Gilardino è stato trasferito al Milan per 25 milioni di euro, acquisendo la maglia numero 11. Ha segnato il suo primo gol per i Rossoneri in una partita contro la Sampdoria. Ha terminato la stagione 2005-06 con 17 gol in 34 presenze in Serie A e due gol in tre presenze in Coppa Italia, ma non è riuscito a trovare la sua forma offensiva nella campagna UEFA Champions League del Milan 2005-06, non segnando gol in tutte le 12 partite.

Nella stagione 2006-07, Gilardino ha segnato il suo primo gol in UEFA Champions League il 1 novembre 2006, in una vittoria per 4-1 contro l’Anderlecht. Il suo rendimento offensivo europeo la stagione successiva non ha convinto con solo due gol. Tuttavia, uno dei suoi due gol ha aiutato il Milan a sigillare una decisiva vittoria per 3-0 contro il Manchester United nella seconda gara di semifinale del 3 maggio 2007. Quella partita riportò i rossoneri in finale di Champions League e ha preparato una rivincita con il Liverpool.

Gilardino ha guidato il Milan nella classifica dei marcatori della Serie A 2006-07 con 12 gol. Nessun altro giocatore del Milan ha raggiunto la doppia cifra. Alla fine della stagione, ha rivelato in un’intervista di provare amarezza per non aver giocato la finale di Champions League vinta dal Milan. Tuttavia, dopo una chiarificazione con la dirigenza, ha deciso di restare.

Prestito al Bologna

Il 31 agosto 2012, Gilardino cambiò ancora squadra, unendosi al Bologna per una cifra di prestito di €1,3 milioni. Fece il suo debutto con la maglia emiliana il 1º settembre 2012 nella partita persa contro il Milan, sostituendo Robert Acquafresca.

Gilardino portò il Bologna a una vittoria molto necessaria il 12 gennaio 2013, realizzando una doppietta nella vittoria per 4-0 della squadra contro il Chievo Verona. Ha portato la squadra a una vittoria per 1-0 contro l’Inter il 10 marzo, segnando con un elegante colpo di volo. Ha concluso la stagione con 13 gol in 35 partite.

Gilardino al Genoa

Dopo la stagione al Bologna, dove ha trascinato la sua squadra verso una salvezza precoce grazie ai suoi 13 gol, è andato al Genoa. Venne dichiarato incedibile dal presidente Enrico Preziosi, su richiesta dell’ex centrocampista Fabio Liverani diventato di recente il nuovo allenatore del Genoa.

Carriera internazionale

Dopo le Olimpiadi del 2004, Gilardino è stato scelto dal commissario tecnico della nazionale maggiore Marcello Lippi. Ha debuttato il 4 settembre 2004, all’età di 22 anni, in una vittoria per 2-1 in casa in una partita di qualificazione ai Mondiali contro la Norvegia. Il 13 ottobre ha segnato il suo primo gol internazionale contro la Bielorussia, a Parma. Lippi lo considerava un titolare, spesso in coppia con Luca Toni.

Gilardino è stato membro della squadra italiana di 23 uomini che ha vinto la Coppa del Mondo FIFA 2006. Ha giocato nelle prime due partite, segnando un gol nella seconda partita del girone, un pareggio per 1-1 contro gli Stati Uniti.  Scese in campo come sostituto nella semifinale contro i padroni di casa tedeschi, colpendo il palo ai tempi supplementari. Nel minuto finale del secondo tempo supplementare, ha fornito l’assist per il gol di Alessandro Del Piero. Successivamente l’Italia ha sconfitto la Francia per 5-3 ai rigori in finale, dopo un pareggio per 1-1 dopo i tempi supplementari.

ARTICOLI CORRELATI
Exit mobile version