Gennaio 30, 2023

Le statistiche di Kawhi Leonard non dicono tutto: Il passato, il presente e il futuro complicato dei Clippers

Mercoledì la superstar dei Clippers Kawhi Leonard giocherà la sua decima partita da quando ha saltato l’intera stagione 2021-22.

Di solito, il termine di 10 partite è il momento ideale per verificare come un giocatore si sia riacclimatato al gioco. Il ritorno in campo di Leonard, tuttavia, è stato tutt’altro che tipico, con una serie di deterrenti che hanno influito sulla sua disponibilità.

Un conto è concentrarsi sulle sue medie di 13,1 punti, 5,6 rimbalzi e 3,8 assist a partita, ma è importante considerare che Leonard ha già saltato 20 delle prime 30 partite di Los Angeles a causa di infortuni e gestione del carico. La mancanza di continuità ha evidentemente influito sull’efficienza di Leonard, che in questa stagione ha tirato con il 45,0% dal campo e con il 21,9% da tre punti, entrambi ai minimi della carriera.

Non è un segreto che quando è in salute, la versione superstar di Leonard completa il puzzle del campionato dei Clippers, ma è ancora in grado di esibirsi a un livello così alto?

Anche se le statistiche possono servire come punto di partenza, il test visivo del ritorno di Leonard risponde a questa domanda meglio di qualsiasi numero.

Perché le statistiche di Kawhi Leonard non raccontano tutta la storia
Il ritorno in campo di Leonard in questa stagione è stato complicato.

Dopo essere apparso in due delle prime tre partite della squadra, Leonard è rimasto fermo per le successive 12 a causa del suo ginocchio problematico. Proprio quando sembrava che Leonard avrebbe trovato il suo ritmo al rientro in campo, ha subito una distorsione alla caviglia che lo ha tenuto fuori per altre sette partite, preparando il terzo rientro in campo a Charlotte il 5 dicembre.

Ero presente allo Spectrum Center quando Leonard è sceso in campo per affrontare gli Hornets, segnando solo la sua sesta presenza in 25 occasioni. Francamente, la ruggine era piuttosto evidente.

All’inizio, Leonard ha perso un po’ di tempo. Quello che di solito è un facile canestro in post è diventato un tiro che in qualche modo non è rimasto a terra.

Il risultato è un errore nel box score, ma non illustra come Leonard sia arrivato esattamente dove voleva ed è apparentemente non influenzato dalla difesa.

Più tardi nel primo tempo, Leonard ha usato il suo gioco di gambe per giocare con la difesa di Charlotte, creando quello che sembrava un chiaro drive verso il canestro. Invece di andare a canestro, però, Leonard ha optato per un mid-range jumper, che è ancora il suo pane quotidiano.

Dal suo gioco di gambe alla sua pazienza, è chiaro che Leonard stava iniziando a sistemarsi con il passare della partita – una dimostrazione letterale di come si sia scrollato di dosso la ruggine in tempo reale.

Sebbene ci fossero ancora segni di ruggine quando lui e i Clippers sono usciti dall’intervallo…

… Leonard si è ancora una volta ambientato quando si è riscaldato e ha trovato il suo ritmo, concludendo la sua serata con 16 punti (su 7-15 tiri) e alcuni canestri decisivi, tra cui quello che alla fine è stato il game-winner.

La prestazione di Leonard a Charlotte è una rappresentazione di come continuerà a progredire in questa stagione. Con il tempo, sembrerà sempre più a suo agio sul parquet e troverà il suo ritmo per tornare a un livello vicino alla sua forma da All-Star.

Certo, ci sono stati segni di ruggine lungo il percorso, ma non è un caso che la costante presenza in campo abbia permesso a Leonard di svoltare e perfezionare i suoi tempi.

Che sia in partita o nel corso di più partite, la continuità è la chiave per eliminare la ruggine. Lo abbiamo visto nei momenti di difficoltà di Leonard contro i Wizards e nelle sfumature del 2021 che ha mostrato contro i Celtics.

La differenza sulla carta? Leonard ha tirato 5 su 13 contro Washington e 10 su 12 contro Boston. Anche se l’efficienza è stata nettamente diversa, Leonard è stato oggettivamente bravo in entrambe le partite.

I numeri non mostrano il modo in cui il maggior comfort di Leonard contro i Wizards gli ha permesso di fare il botto contro i Celtics, leader della lega, ma gli occhi lo faranno. Situazioni simili dimostrano quanto sia importante il tempismo: se si sbaglia di poco, tutto può essere compromesso.

Dopo aver segnato 25 punti con l’83,3% al tiro contro i Celtics, Leonard ha commentato la sua prestazione in modo diretto: “Ho fatto dei tiri. Tutto qui. I tiri sono andati a segno. Ho tirato 12 volte, la palla è entrata più di quante ne abbia mancate”.

Per quanto semplice, non si può discutere la valutazione di Leonard. Per approfondire il suo commento, le clip qui sopra mostrano che Leonard continua a crearsi lo spazio e a ottenere i tiri che desidera, ma sono il tempismo e il comfort a far sì che la palla entri più di quanto non manchi.

La chiave è mantenere Leonard in formazione: più è in grado di giocare senza intoppi, meno ruggine ci sarà. In questo modo Leonard è un passo più vicino alla sua forma da superstar e i Clippers sono un passo più vicini a realizzare le loro aspirazioni di contendenti al titolo.