Gennaio 30, 2023

Devin Booker fa la sua migliore imitazione di Kobe Bryant, entrando nella conversazione sull’MVP NBA

Quando i Suns sono caduti contro i Bucks in gara 6 delle finali NBA nel 2021, la guardia superstar Devin Booker è rimasto un secondo in più per assistere ai festeggiamenti di Milwaukee sul parquet di casa.

“Accidenti”, si è sentito dire quando la sua squadra è arrivata così vicina a raggiungere l’obiettivo finale di vincere un campionato NBA nella sua prima corsa ai playoff della carriera.

I Suns hanno usato i loro difetti come carburante nella scorsa stagione, sfornando 64 vittorie per ottenere il miglior record della lega – il maggior numero di vittorie in una stagione dai Rockets del 2017-18 (65). Phoenix è entrata nella postseason come favorita per il titolo, ma il risultato finale è stato quanto di più imbarazzante si sia mai visto nella storia della NBA. I Suns sono stati annientati dai Mavericks in gara 7 delle semifinali della Western Conference, perdendo di 33 punti e venendo mandati a casa anzitempo.

Come si reagisce a un risultato del genere?

Per uno come Booker è impossibile dare per scontata la vittoria. I Suns non sono riusciti a vincere più di 25 partite nelle prime quattro stagioni della sua carriera e non è passato molto tempo da quando la sua squadra non ha nemmeno superato il traguardo delle 20 vittorie nel 2018-19.

Booker ha avuto successo a livello individuale – ha registrato una media di 26,6 punti e 6,8 assist a partita durante la stagione da 19 vittorie dei Suns – ma stava iniziando a essere etichettato come qualcuno la cui produzione non si traduceva in successo di squadra.

La cosa è diventata soggettivamente falsa quando è stato affiancato dal futuro Hall of Famer Chris Paul nel backcourt, contribuendo a condurre i Suns rispettivamente al secondo e al primo posto ad Ovest nelle loro prime due stagioni insieme.

In questa stagione, ha reso questo sentimento oggettivamente falso, guidando i Suns attraverso una serie di infortuni per emergere come l’innegabile candidato MVP di Phoenix.

L’emergere come MVP di Devin Booker
Prima dell’inizio della stagione, è emersa la notizia che l’attaccante veterano Jae Crowder – che ha giocato 109 delle 127 partite di regular season disputate con i Suns in due anni – non si sarebbe unito alla squadra fino a quando le due parti non avessero trovato un accordo per il 32enne.

Cam Johnson, candidato al titolo di Sesto Uomo dell’anno nel 2022, avrebbe dovuto occupare il suo posto nella formazione titolare, ma a otto partite dall’inizio della stagione l’ex scelta della lotteria ha subito una lacerazione del menisco destro che ha richiesto un intervento chirurgico e lo ha tenuto fuori fino a due mesi.

Due partite più tardi, la guardia Paul – che aveva già avuto problemi all’inizio della stagione, con una media di 9,5 punti a partita con il 36,8% di tiri dal campo – ha subito un infortunio al tallone che lo ha tenuto fuori dal 9 novembre.

Anche se privi di tre giocatori chiave della rotazione, i Suns detengono ancora il miglior record della Western Conference con 16-8 a un quarto della stagione.

Per dare credito alla squadra nel suo complesso, Deandre Ayton ha giocato come una pietra miliare della franchigia, Mikal Bridges ha continuato a essere un uomo di ferro a due vie, Cameron Payne ha preso il posto di Paul e Torrey Craig ha colmato il vuoto di Johnson e Crowder – ma Booker è stato il catalizzatore e il cuore pulsante che ha guidato la carica.

Il ventiseienne ha una media di 28,4 punti e una percentuale di tiro reale del 59,9, la seconda migliore della sua carriera. Con l’assenza di Paul si è anche assunto maggiori responsabilità di playmaking, con una media di 5,9 assist a partita, la più alta da quando il 12 volte All-Star si è unito ai Suns.

Booker è stato un maestro dell’attacco in questa stagione, facendo a pezzi le squadre da tutti e tre i livelli del campo con un gioco di gambe, una fluidità e una pazienza che renderebbero orgoglioso il suo idolo, il grande Kobe Bryant.

In effetti, se si confrontano i numeri di Booker in questa stagione con l’anno da MVP di Kobe nel 2007-08, si notano alcune chiare somiglianze.

Nel 2007-08, Bryant ha condotto i Lakers alla testa di serie n. 1 della Western Conference con un record di 57-25. Con il ritmo attuale, Booker ha in programma per i Suns di vincere circa 55 partite, ma non c’è dubbio che l’eventuale ritorno di Paul e Johnson potrebbe portare Phoenix a superare questa proiezione e a reclamare la testa di serie n. 1.

La stagione da MVP di Bryant è arrivata sulla scia di due titoli di marcatore e Booker non è ancora riuscito in questa impresa, ma ha avuto una media di oltre 25 punti a partita per cinque stagioni consecutive, raggiungendo il suo apice come creatore di canestri.

Finora è stato più efficiente di Bryant durante il suo anno da MVP, e le sue grandi serate di punteggio sono state tanto forti quanto quelle di Kobe fino a questo momento.

Durante la stagione da MVP di Bryant, ha avuto 29 (!) partite da 30 punti, cinque da 40 punti e due da 50 punti.

Nelle prime 24 partite della stagione 2022-23, Booker ha realizzato cinque partite da 30 punti, tre da 40 punti e una da 50 punti – una delle partite da 50 punti più efficienti della storia dell’NBA, raggiunta con soli 25 tiri in tre quarti di gioco.

Quando si guardano questi highlights, è impossibile non pensare a Kobe su alcuni dei silenziosi midrange jumpers di Booker, quando si alza sopra i difensori e rilascia un tiro che non tocca altro che la rete quando cade.

“Be Legendary” è il messaggio che Bryant ha scritto a Booker sulle sue Kobe 11 dopo il loro unico incontro da avversari in NBA. È un messaggio che Booker porta ancora oggi come un distintivo d’onore, con la frase tatuata sull’avambraccio e scritta su ogni paio di Kobe che indossa durante le partite.

Nel primo quarto della stagione, Booker è stato leggendario. È stato come Kobe Bryant e ha trascinato i Suns, consolidando il suo ruolo di MVP per il futuro della stagione.